• SLIDER
  • GRID
  • TEXT

TESTO

com’è vero l’ordinario

30 Ottobre - 3 Novembre 2019, Torino _ Ph.ocus | Paratissima 2019

Nel corso dei suoi studi da architetto, Filippo Cavalli ha sempre ricercato nella contemporaneità il “nuovo” e il “diverso”, chiedendosi quale fosse la via alternativa per la modernità. Anche il suo occhio da fotografo parte costantemente alla ricerca di questo fine, ma nonostante le domande che si pone, il suo obiettivo e la sua mente si soffermano sui dettagli più ovvi ed usuali che quotidianamente si tende a dare per scontati.

Ricerca scatti comuni, come se l’anima della contemporaneità – dell’oggi – fosse in agguato nella consuetudine di ingressi, giardini incolti e cortili sgombri. Piccoli dettagli che, oggi, gli orizzonti sconfinati ci fanno dimenticare. Questo progetto (in divenire) ha a che fare con le nostre vite quotidiane, vuole mostrarci la grana del presente attraverso fotografie oneste che ci parlano del mondo straordinariamente ordinario. Abbiamo necessità di vedere le cose comuni con occhi nuovi e mente fresca.


a cura di Laura Tota

com’è vero l’ordinario

30 Ottobre – 3 Novembre 2019, Torino _ Ph.ocus | Paratissima 2019

Nel corso dei suoi studi da architetto, Filippo Cavalli ha sempre ricercato nella contemporaneità il “nuovo” e il “diverso”, chiedendosi quale fosse la via alternativa per la modernità. Anche il suo occhio da fotografo parte costantemente alla ricerca di questo fine, ma nonostante le domande che si pone, il suo obiettivo e la sua mente si soffermano sui dettagli più ovvi ed usuali che quotidianamente si tende a dare per scontati.

Ricerca scatti comuni, come se l’anima della contemporaneità – dell’oggi – fosse in agguato nella consuetudine di ingressi, giardini incolti e cortili sgombri. Piccoli dettagli che, oggi, gli orizzonti sconfinati ci fanno dimenticare. Questo progetto (in divenire) ha a che fare con le nostre vite quotidiane, vuole mostrarci la grana del presente attraverso fotografie oneste che ci parlano del mondo straordinariamente ordinario. Abbiamo necessità di vedere le cose comuni con occhi nuovi e mente fresca.

a cura di Laura Tota

Clicca sulle icone in alto a destra per vedere le immagini.

com’è vero l’ordinario

30 Ottobre – 3 Novembre 2019, Torino _ Ph.ocus | Paratissima 2019

Nel corso dei suoi studi da architetto, Filippo Cavalli ha sempre ricercato nella contemporaneità il “nuovo” e il “diverso”, chiedendosi quale fosse la via alternativa per la modernità. Anche il suo occhio da fotografo parte costantemente alla ricerca di questo fine, ma nonostante le domande che si pone, il suo obiettivo e la sua mente si soffermano sui dettagli più ovvi ed usuali che quotidianamente si tende a dare per scontati.

Ricerca scatti comuni, come se l’anima della contemporaneità – dell’oggi – fosse in agguato nella consuetudine di ingressi, giardini incolti e cortili sgombri. Piccoli dettagli che, oggi, gli orizzonti sconfinati ci fanno dimenticare. Questo progetto (in divenire) ha a che fare con le nostre vite quotidiane, vuole mostrarci la grana del presente attraverso fotografie oneste che ci parlano del mondo straordinariamente ordinario. Abbiamo necessità di vedere le cose comuni con occhi nuovi e mente fresca.

a cura di Laura Tota

Clicca sulle icone in alto a destra per vedere le immagini.