• SLIDER
  • GRID
  • TEXT

TESTO

pensieri associativi

2016

“La conoscenza non è contenuta tanto nei concetti, quanto nella rete di relazioni tra i concetti”

Joseph Novak

pensieri associativi è un compendio analogico di immagini che sintetizza un processo di analisi an-estetica e documentaristica, basato sullo studio delle connessioni/associazioni mentali/cognitive avvenuto in un lasso di tempo dilatato. Gli scatti vengono non-progettati tramite la creazione di legami d’aggregazione che permettono di integrare la mappa concettuale del proprio pensiero creando connessioni trasversali e a-temporali. Ne deriva pertanto un quadro in continua evoluzione che vuole far riflette sullo sviluppo della propria conoscenza in costante divenire, sviluppata come una collezione di istanti che non sono portatori di un’estetica definita ma di meri attimi incisi nella memoria.

Clicca sulle icone in alto a destra per vedere le immagini.

pensieri associativi

2016

“La conoscenza non è contenuta tanto nei concetti, quanto nella rete di relazioni tra i concetti”

Joseph Novak

pensieri associativi è un compendio analogico di immagini che sintetizza un processo di analisi an-estetica e documentaristica, basato sullo studio delle connessioni/associazioni mentali/cognitive avvenuto in un lasso di tempo dilatato. Gli scatti vengono non-progettati tramite la creazione di legami d’aggregazione che permettono di integrare la mappa concettuale del proprio pensiero creando connessioni trasversali e a-temporali. Ne deriva pertanto un quadro in continua evoluzione che vuole far riflette sullo sviluppo della propria conoscenza in costante divenire, sviluppata come una collezione di istanti che non sono portatori di un’estetica definita ma di meri attimi incisi nella memoria.

Clicca sulle icone in alto a destra per vedere le immagini.

pensieri associativi

2016

“La conoscenza non è contenuta tanto nei concetti, quanto nella rete di relazioni tra i concetti”

Joseph Novak

pensieri associativi è un compendio analogico di immagini che sintetizza un processo di analisi an-estetica e documentaristica, basato sullo studio delle connessioni/associazioni mentali/cognitive avvenuto in un lasso di tempo dilatato. Gli scatti vengono non-progettati tramite la creazione di legami d’aggregazione che permettono di integrare la mappa concettuale del proprio pensiero creando connessioni trasversali e a-temporali. Ne deriva pertanto un quadro in continua evoluzione che vuole far riflette sullo sviluppo della propria conoscenza in costante divenire, sviluppata come una collezione di istanti che non sono portatori di un’estetica definita ma di meri attimi incisi nella memoria.